La Canonica
di Santa Maria di Vezzolano
(Albugnano)

Vai al Menu principale ☰

Orario di apertura:
da Martedì a Domenica ore 10-18
Ingresso gratuito


Santa Messa:
Domenica ore 17

panoramica
Una panoramica dal lato est

La Canonica di Santa Maria di Vezzolano faceva parte di un importante complesso monastico già ricordato in un documento del 1095; degli edifici che componevano il monastero sono arrivati fino a noi la chiesa, il chiostro e la sala capitolare.

Vai alla galleria di immagini →

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧

Vai al Menu principale ☰

absidi
Le tre absidi affiancate

La chiesa fu costruita fra il XII e il XIII secolo, e rimaneggiata in seguito; originariamente era a tre navate, ognuna terminante con un’abside semicircolare; in un’epoca imprecisata, ma comunque antica, la navata di destra fu chiusa, e aperta dal lato opposto, a formare il lato nord del chiostro.

facciata
Particolare della facciata

La facciata è molto ricca e complessa, con tre diversi ordini di colonne, i primi due sormontati da architravi, l’ultimo da archetti; nella lunetta del portale, una scultura rappresenta la Madonna in trono fra un angelo e un devoto; in corrispondenza della bifora nel secondo ordine di colonne, il Redentore fra due angeli; altre sculture rappresentano angeli e santi.

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧

Vai al Menu principale ☰

angelo
Angelo dell’Annunciazione, dalla finestra al fondo dell’abside

L’aspetto dell’interno, con gli archi fra le colonne e le volte a sesto acuto, appartiene al primo periodo gotico. Molto sobria è la decorazione scultorea, che nondimeno contiene autentici capolavori, come le figure dell’Annunciazione, ai due lati della finestrella centrale dell’abside.

L’Assunzione al Vezzolano L’Assunzione al Vezzolano L’Assunzione al Vezzolano
La deposizione del corpo della Madonna, il risveglio e il trionfo in cielo accanto a Cristo nelle sculture del jubé

L’elemento scultoreo di maggiore interesse, per bellezza e rarità, è però il grande jubé, un tramezzo decorato con sculture in alto rilievo, che all’interno della navata centrale separava l’area destinata al clero da quella in cui trovavano posto i semplici fedeli. Poiché le figure più esterne furono, in epoca posteriore, semplicemente dipinte in ristrette aree libere, si suppone che il grande rilievo fosse stato realizzato per una diversa destinazione, e poi sia stato accorciato per essere sistemato nell’attuale posizione.

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧

Vai al Menu principale ☰

chiostro
Il chiostro con il giardino interno

Il chiostro sembra essere stato realizzato in diverse epoche: per primo il portico occidentale, che ha ancora una copertura in legno; poi quello settentrionale, derivato dalla navata destra della chiesa; quindi gli altri due. Il piccolo giardino all’interno riecheggia ancora la quiete della vita monastica.

È rimasta solo una piccola parte della decorazione pittorica; sono particolarmente interessanti, nel braccio nord del chiostro, la Madonna in trono col Bambino, l’Adorazione dei Magi e il Contrasto fra tre vivi e tre morti.

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧

Vai al Menu principale ☰

Fino al Giugno 2015 la Canonica era affidata in gestione alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Piemonte, che ha curato importanti campagne di restauro.
È in atto il trasferimento al Polo Museale del Piemonte, recentemente costituito.

Per una miglior fruizione del monumento, sono presenti in chiesa volontari coordinati dall'Associazione inCollina di Castelnuovo don Bosco

Nei locali della Sacrestia è aperta in permanenza la mostra
La Luna, la Vergine e l’astronomia medievale

La mostra la materia e l’invenzione sulla scultura nelle chiese romaniche dell’Astigiano è aperta su richiesta in occasione di visite guidate

Orari di visita:
Da Martedì 8 Marzo 2016: dal Martedì alla Domenica ore 10 - 18
Chiusa i Lunedì non festivi
Per informazioni: durante l'apertura della chiesa tel 011.9920607
oppure Associazione inCollina 333.1365812
oppure Associazione la Cabalesta 011.9872463

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧

Vai al Menu principale ☰

Per saperne di più

  • Aldo A. Settia Santa Maria di Vezzolano Una fondazione signorile nell’età della Riforma ecclesiastica, Deputazione subalpina di storia patria Biblioteca storica subalpina CLXXXXVIII Torino Palazzo Carignano 1975
  • Santa Maria di Vezzolano. Il pontile. Ricerche e restauri a cura di Paola Salerno, Umberto Allemandi & C. 1997
  • Santa Maria di Vezzolano. Gli affreschi del chiostro. Il restauro a cura di Elena Ragusa e Paola Salerno, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i beni architettonici e del paesaggio in Piemonte, Torino 2003
  • Gianpaolo Fassino, “L'amo come l’ideal donna dei sogni”. A Vezzolano negli ultimi due secoli: percorsi di visita tra sacro e profano, in Storie di Turismo in Piemonte (Atti del convegno Storie di Turismo in Piemonte. La valorizzazione turistica locale tra Ottocento e Novecento, Pettenasco, 11-12 ottobre 2003), a cura di Valeria Calabrese, Paola Martignetti, Diego Robotti, Torino, Centro Studi Piemontesi - L&M I Luoghi e la Memoria, 2007, pp. 339-362.
  • Maurizio Pistone Vezzolano Guida alla Canonica Regolare di Santa Maria EdiTo Riva presso Chieri 2010

⇦ Torna alla pagina sul Romanico Astigiano    Torna all’inizio della pagina ⇧