OrganaliaLogo

Un’orchestra d’archi a Chivasso in Musica

Vai al Menu principale ☰

Il primo dei due Concerti di Natale, inserito nel cartellone autunnale della stagione Chivasso in Musica 2019, si terrà Sabato 14 dicembre, alle 21, nell’accogliente Teatro dell’Oratorio Carletti.

Logistica

Il locale che dispone di oltre 300 posti a sedere su comode poltroncine, è collocato nel pieno centro di Chivasso, in via don Dublino, a pochi passi a piedi dal Duomo. Per chi volesse giungere in automobile, potrà trovare parcheggio nelle adiacenze. L’accesso al pubblico sarà consentito a partire dalle ore 20.30. L’ingresso, per favorire la più ampia partecipazione possibile, sarà con libera offerta.

Interpreti

Protagonista della serata, al suo debutto a Chivasso, sarà l’Orchestra Gli Armonici di Bra, complesso strumentale ad archi che sarà diretto dal maestro Giuseppe Allione. Questo complesso strumentale è nato nel 2010 e, in questi primi dieci anni di attività, ha riscosso numerosi successi. A Chivasso si presenterà con questa formazione:

  • Violini I, Elena Ciartano, Anna Laratore, Michele Mangiacasale, Elisa Golisano, Jeffrey Fabisiak;
  • Violini II Gabriele Marchisio, Silvio Nada, Bruno Raspini, Elizabeta Dodmasej, Fabrizio Dutto;
  • Viole, Ivan Cavallo, Chantal Sala, Andrea Calvo, Fulvio Bellino;
  • Violoncelli, Teresio Calliano, Giacomo Berutti, Stefano Pellegrino;
  • Contrabbasso, Bernardino Gallo.

Il direttore

Giuseppe Allione ha conseguito cinque diplomi: pianoforte, Musica corale e Direzione d’orchestra, Composizione, Prepolifonia e Organo. Ha tenuto concerti d’organo come solista e ha diretto importanti orchestre sinfoniche e da camera. Docente in diversi istituti, dal 2006 collabora con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.

Il programma della serata

L’appuntamento chivassese verrà aperto da Divertimento in Re maggiore K 136, scritto nel 1772, da Wolfgang Amadeus Mozart. Si passerà, quindi, alla Saint Paul’s Suite op. 29 n. 2 scritta nel 1912 da Gustav Holst. Al centro del concerto spicca il celeberrimo Adagio per archi del 1938 dell’americano Samuel Barber mentre la conclusione è affidata al genio musicale di Benjamin Britten con la famosa Simple Simphony.

⇦ Torna al calendario degli Appuntamenti    Torna all’inizio della pagina ⇧