IL FREISA D’ASTI
E IL FREISA DI CHIERI

fregio
La Cabalesta Arcobaleno bandiera Chi siamo
drapeau Qui sommes nous
flag Who we are
Flagge Wer wir sind
flag 关于我们 Arcobaleno Il nostro territorio Arcobaleno Ricettività
e servizi
Arcobaleno Prodotti e produttori Arcobaleno Appuntamenti
Arcobaleno Chiese, Cantine, Castelli e Cascine
Arcobaleno Galleria di immagini Arcobaleno Biblioteca di documentazione
Arcobaleno Come contattarci Arcobaleno
Freisa
Uva Freisa

Il Freisa è un vitigno tipicamente monferrino, noto fin dagli inizi del 1500. Nell’800 è diffuso in tutto il territorio della Collina Torinese e del Basso Monferrato. È un vitigno rustico, ideale in quest'area di scarse precipitazioni estive. Presenta un grappolo cilindrico allungato, e un'ala con un lungo peduncolo; l’acino medio piccolo, è vellutato, di colore blu-nero con buccia molto consistente.
Il vino è di colore rosso granato o cerasuolo piuttosto chiaro,il profumo è elegante, delicato,  con sentori di lampone e di rosa; il sapore con sottofondo assai gradevole di lampone, è fresco, morbido e di buona armonia.
Il Freisa d'Asti è prodotto nelle tipologie secco e amabile, in versione vivace, frizzante o fermo. Le versioni invecchiate sono proposte nel tipo superiore o barricato.
Il Freisa di Chieri è prodotto nel tipo secco e amabile; ha colore rosso rubino non troppo intenso, un profumo di lampone e viola che diventa più delicato con l’invecchiamento.
Il Freisa, nelle due denominazioni, è un ottimo vino per i primi piatti, carni bianche, per il pollame, salumi e polenta ed è un ingrediente di alcuni piatti tipici come il Coniglio in tegame al Freisa d'Asti. Nella versione amabile e spumante dolce, servito a 14 - 16º, accompagna il fine pasto abbinato alle crostate di frutta e alla pasticceria secca.

Per saperne di più:

arcobaleno

Freisa d'Asti

arcobaleno

Freisa di Chieri

Freisa
Uva Freisa

Il disciplinare di produzione del vino Freisa di Chieri è definito dal Decreto del presidente della Repubblica del 20 settembre 1973.

Vitigno: il vino Freisa di Chieri deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Freisa.

Il vino Freisa di Chieri può essere preparato nel tipo secco o nel tipo amabile; all’atto dell’immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:

Freisa secco:

Freisa amabile:

Zona di produzione: il vino Freisa di Chieri deve essere ottenuto dalle uve del vitigno Freisa prodotto esclusivamente nel territorio dei comuni di: Chieri, Pecetto Torinese, Pino Torinese, Pavarolo, Baldissero Torinese, Montaldo Torinese, Mombello Torinese, Andezeno, Arignano, Moriondo Torinese, Marentino e Riva presso Chieri.

Invecchiamento minimo per legge: il vino Freisa di Chieri ottenuto da uve che abbiano una gradazione alcolica complessiva minima naturale di 11,5, qualora venga invecchiato fino al 1º novembre dell’anno successivo a quello della vendemmia, può portare in etichetta la specificazione aggiuntiva di "superiore".

Torna su  arcobaleno ← Torna alla pagina Le nostre DOC
la Cabalesta: Colline dell’arcobaleno arcobaleno Collines de l’arc-en ciel - Hills of the rainbow - Hügel des Regensbogens